• us
  • it
  • fr
  • es
  • en
    24 aprile 2015
    Caruso lo sviluppo dell’acustica nella didattica

    Caruso lo sviluppo dell’acustica nella didattica

    Didattica: l’Acustica, un requisito essenziale
    L’efficacia della comunicazione orale nell’ambito della didattica, e dunque nel processo di apprendimento, è strettamente legata all’ambiente e alle condizioni che lo stesso offre.
    Caruso Acoustic ha fin da subito considerato il segmento della didattica come strategico per quanto riguarda i principi cardine della propria filosofia aziendale che come laboratorio per il proprio settore di ricerca e sviluppo dei propri prodotti. Per questo l’azienda propone soluzioni di correzione acustica degli ambienti didattici di alto profilo funzionale ed estetico.
    Le performance acustiche di una aula sono parte integrante di una progettualità che si possa definire di qualità.
    Legame tra rendimento e tempo di riverbero
    Come cambia il rendimento nelle aule didattiche nelle quali non è garantito l’adeguato comfort acustico?
    Alcuni studi dimostrano come i margini di errori degli studenti possano subire oscillazioni anche superiori al 15% in un ambiente nel quale il tempo di riverbero causa un rumore superiore ai 60 dB. Sotto i 55 dB la percentuale di abbassa drasticamente al 4,3%.
    La chiarezza della percezione sonora è strettamente legata alla durata della “coda sonora” in ambiente, valutata convenzionalmente con la misura del “tempo di riverberazione”. Nel caso degli ambienti deputati alla didattica, il contributo alla riverberazione deve far si che si instauri un compromesso tale da concorrere al rinforzo del suono diretto. La presenza di una eccessiva riverberazione e l’elevata rumorosità di fondo riducono l’intellegibilità della parola.
    Il valore ottimale del tempo di riverberazione in un ambiente destinato all’ascolto della parola rappresenta, quindi, il giusto compromesso tra il raggiungimento di un livello sonoro sufficiente per un’audizione senza sforzo, in tutti i punti dell’ambiente, e l’assenza di mascheramenti tra le sillabe del messaggio.
    La qualità acustica di un ambiente: i materiali
    La scelta dei materiali per il raggiungimento di un adeguato comfort acustico deve essere mirato al raggiungimento del tempo di riverberazione ottimale in funzione della destinazione d’uso dell’ambiente. La corretta applicazione di materiali fonoassorbenti, infatti, determina la riduzione della coda sonora, l’assorbimento dell’energia di riflessioni indesiderate e del rumore di fondo.
    In questo senso, la progettazione acustica di aule per la didattica è finalizzata alla miglior comprensione possibile del messaggio parlato. Gli interventi per la correzione acustica dell’aula devono prevedere l’applicazione di materiali di diversa tipologia per consentire l’assorbimento di tutta la gamma di frequenze interessate. Non solo: deve essere pianificata una distribuzione mirata dell’assorbimento acustico nell’ambiente in modo da garantire omogeneità d’ascolto in ogni punto della sala.
    La scuola rappresenta un ambito di applicazione normativo molto importante in cui entrano in gioco diversi parametri acustici da prendere in considerazione, in quanto possono incidere in modo significativo sulla qualità dell’insegnamento. L’intelligibilità del parlato è quindi un requisito fondamentale e irrinunciabile.
    Nel 2004 la Germania ha emanato la DIN18041:2004-05, norma che stabilisce i parametri acustici ottimali per locali adibiti ad uso didattico e non solo. Sono stati definiti dalla norma i parametri per la determinazione del TR ottimale in funzione all’attività e in relazione al volume. Particolare attenzione è stata prestata anche per i parametri da considerare in presenza di persone con deficit uditivo e non di madrelingua.
    trattamento-acustico-didattica-caruso
    Il TR è il primo fattore da prendere in esame per migliorare l’intelligibilità del parlato, ma da solo non è sufficiente ad assicurare il miglior risultato. Dovranno essere presi in esame diversi fattori che influenzano una perfetta intelligibilità del parlato, quali l’STI (Speech Transmission Index) e %ALCONS.
    STI è una valutazione dell’intelligibilità con valori compresi tra 0 (completamente incomprensibile) e 1 (intelligibilità perfetta).
    ALCONS esprime la perdita di definizione delle consonanti, valori bassi sono associati ad una grande intelligibilità. Per ambienti di apprendimento il valore deve essere almeno 5% o inferiore.
    tabella
    C50 esprime la chiarezza del parlato (usato soprattutto in Germania) ed indica il rapporto di energia sonora nei primi e successivi 50 ms.
    Prendiamo come esempio un’aula didattica con superficie di 108 mq ed un volume di circa 410 mc con una capienza di 91 posti.
    Consideriamo che il locale sia caratterizzato dai seguenti materiali: pareti e soffitto intonacate, pavimento in parquet.
    Ad aula occupata, il Tr stimato alla media 250-2000 Hz sarà di circa 1,73 s, troppo elevato per attività di insegnamento. Inserendo in modo opportuno i pannelli fonoassorbenti Silente M otterremo risultati di sicura eccellenza.
    I pannelli sono disposti a soffitto con disposizione a U con la base rivolta alla parete di fondo. Altri pannelli sono applicati sulla parete di fondo.
    Confrontando i dati prima e dopo l’intervento di bonifica acustica, a locale non occupato, possiamo riscontrare un sensibile miglioramento del Tempo di riverberazione. Ad aula occupata si passerà da un TR medio 500-1000 Hz di 0,59s ad un valore di 0,51 s
    Conseguentemente otteniamo anche un miglioramento significativo dei parametri che definiscono l’intelligibilità del parlato, quali l’STI e l’ALCONS.
    L’STI passa da un valore di 0,53-0,55 che rappresenta una condizione normale, ad un valore di 0,74-0,77 che può definirsi eccellente.
    Anche osservando l’altro parametro, l’ALCONSs % potremo osservare un miglioramento, con valori quasi di eccellenza al 3-4 %

    Perdita di Consonanti

    Al Cons aula occupata senza pannelliALCONS aula occupata da persone, valori senza pannelli fonoassorbenti
    Al Cons aula occupata con pannelliALCONS aula occupata da persone, valori con pannelli fonoassorbenti

     

    C50 Intellegibilità del parlato

    C50 aula occupata senza pannelliC50 aula occupata da persone, valori senza pannelli fonoassorbenti
    C50 aula occupata con pannelliC50 aula occupata da persone, valori con pannelli fonoassorbenti

     

    Indice trasmissione parlato differenza tra suono diretto ed indiretto

    STI aula occupata senza pannelliSTI aula occupata da persone, valori senza pannelli fonoassorbenti
    STI aula occupata con pannelliSTI aula occupata da persone, valori con pannelli fonoassorbenti

    L’area quadrata dei grafici rappresenta l’area di ascolto e alla destra la rispettiva legenda la frequenza esaminata è di 1000 Hz e la sorgente sonora utilizzata è la voce maschile senza amplificazione.
    Questa disposizione risulta particolarmente efficace ed assicura valori prossimi all’eccellenza in assenza di amplificazione.

    RICHIEDI INFORMAZIONI

    • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
    LAMM S.r.l. a socio unico | C.F. / P.IVA 02655090344
    powered by studio375.it